Paisley Underground


Una fazione californiana decisamente creativa fu quella del Paisley Underground, un improbabile incesto fra il jingle jangle dei Byrds e il suono cupo dei Velvet Underground. Il termine paisley viene da quei disegni indiani che portano alla mente la psichedelia, che dalle nostre parti vengono chiamati disegni cachemire. Il padrino della scena fu Steve Wynn, che con i suoi Dream Syndicate, oscuri punk fra Velvet Underground e Crazy Horse, realizzò le due pietre miliari di The Days Of Wine And Roses e Medicine Show, che contiene il leggendario omonimo inno, una ubriaca danza rock pagana. I due dischi sarebbero stati citati come influenze determinanti tanto da Kurt Cobain che dai fratelli Robinson dei Black Crowes, e sicuramente segnarono un punto di inizio del nuovo rock della West Coast, quello che più che le spiagge ne evoca il polveroso deserto.
Se quello dei Syndicate era un rock delle chitarre, i Green On Red fondavano il loro fascino lisergico sul dialogo fra la chitarra elettrica di Dan Stuart e l’invadente organo Farfisa di Chris Cacavas, e nel rimpallo delle rispettive evocative voci soliste. Provenienti da Tucson in Arizona, ma immigrati a L.A., legarono con Wynn, che li portò alla Slash Records. Donarono al mondo un poker di capolavori di stile cinematografico, che sono stati per il punk l’equivalente di quello che Springsteen fu per il rock’n’roll. Gravity Talks, Gas Food Lodging, No Free Lunch e The Killer Inside Me, film di automobili, spazi sconfinati, periferie e rock delle chitarre. La fonte dell’ispirazione della incombente scena No Depression.
Wynn e Stuart registrano assieme, come Danny & Dusty, il leggendario The Lost Weekend, per l’appunto in un solo fine settimana, fra sonorità a la Neil Young e Bob Dylan (di cui interpretavano Knockin’ On Heaven’s Door). Probabilmente i due gruppi registrarono i suoni più eccitanti del nuovo rock della città degli angeli.

Altri gruppi ispirati alla stessa scena furono i Thin White Rope, con il loro western rock a la Morricone, i psichedelici Rain Parade, i True West (che registrarono persino un hit dei Pink Floyd di Syd Barrett), i Guadalcanal Diary…

Post più popolari