Roses in the rain (beautiful losers #2)


I commenti al post Beautiful Losers hanno dissotterrato una quantità di musicisti che hanno (avuto) un seguito di culto ed un posto speciale nel nostro cuore, ma spesso poca influenza nelle classifiche di vendita. Anche questo seguito vuole realizzarsi più nei commenti che nel testo principale. Lasciatemi dare il la con qualche nascosto disco leggendario che ognuno dovrebbe ascoltare...

Joan Armatrading > Show Some Emotion (A&M 1977) / To The Limit (1978) / How Cruel (1979)
Gary US Bonds > Dedication (EMI 1981) / On The Line (1982)
Jim Carroll > Catholic Boy (Columbia)
Marc Cohn (Atlantic 1991)
Dr Feelgood > Stupidity Live (UA 1976)
Lee Fardon > The God Given Right (Aura 1981)
Del Fuegos > Boston, Mass (Slash 1985) / Smokin’ In The Fields (RCA 1989)
Ian Dury > New Boots And Panties (Stiff 1977)
John Eddie (Columbia 1986)
Fleshtones > Roman Gods (IRS 1981)
Steve Forbert > Jackrabbitt Slim (Nemperor CBS 1979)
Dirk Hamilton > Meet Me At The Crux (Elektra 1978)
Garland Jeffreys > American Boy and Girl (A&M 1979) / Escape Artist (Epic 1980) / Rock’n’Roll Adult (1982) / Don’t Call Me Buckweath (1992)
Tonio K > Life In The Foodchain (Epic 1978)
Greg Kihn > Next Of Kihn (Beserley 1978) / With The Naked Eye (1979)
Lone Justice (Geffen 1985)
Carolyne Mas > Hold On (Phonogram 1980)
Metro (Transatlantic 1977)
Willie Nile (Arista 1980)
George Thorogood > Move It On Over (Rounder 1978)
Warren Zevon > Excitable Boy (Asylum 1978) e tutti gli altri
X > Under The Big Black Sun (Elektra 1982) / See How We Are (1987)

di Graham Parker, Willy DeVille, Ian Hunter, Elliott Murphy molti. Tutti forse.

P.S.: è ovvio che un elenco di questo tipo è infinito. Scrivete solo album a cinque stelle, cioè niente di meno che "capolavori". E ora ricordo che avevo già scritto qualche cosa qui.

Post più popolari