Sweet Jane


Se dovessi rispondere alla domanda "qual è il mio definitivo album rock", beh, dai miei 35 anni di fruitore di rock & roll risponderei John Barleycorn Must Die dei Traffic per il rock britannico e Rock n Roll Animal di Lou Reed per quello americano.
Nel 1974 il poeta del rock di NYC era al suo apice: alle spalle gli album dei Velvet Underground, seminali al pari dei lavori di Beatles e Bob Dylan, e nel presente Transformer e Berlin. In futuro avrebbe generato ancora non più di tre o quattro capolavori (scusate se è poco): Coney Island BabyStreet Hassle, New York, Songs For Drella. Torniamo a parlare di Lou Reed in questi giorni in occasione dell'uscita del suo film / disco basato sull'esecuzione live di Berlin. Il disco originale è sempre stato uno dei miei preferiti, questo dal vivo è una bella occasione per riviverlo. Per quanto riguarda il film, beh, scusate la mia superficialità ma Lou Reed preferisco ricordarlo il ventenne glam del 1974. Ci sono già io ad invecchiare, non mi serve che succeda anche ai miei ricordi...

PS: il chitarrista è Steve Hunter, lo stesso di Berlin Live at St.Ann's Warehouse

Post più popolari