Passa ai contenuti principali

Post

Da rileggere

Le rock est mort

Non piangete Tom Petty, piangete voi stessi. Perché è il nostro mondo ad essere finito. Il rock’n’roll, Beatles e Rolling Stones, Elvis e Chuck Berry, Bowie e Tom Petty. I vinili, i negozi di dischi, i negozi di libri, le radio libere, la Dyane, la 2 CV, il profumo della miscela, la Costa Azzurra, Brigitte Bardot, i film francesi con Alain Delon, i film italiani con Ugo Tognazzi, Federico Fellini e Pasolini, Steve McQueen, la 24 ore di Le Mans, il Rally di Montecarlo, Gianni Brera, la grande Inter, Riva Rivera Mazzola Anastasi e Boninsegna, Enzo Iannacci ed il Derbi Club, Playboy e Playmen, Moravia, Lester Bangs, Il Mucchio Selvaggio, Rolling Stone ed il NME, Pablo Picasso, Emmanuelle, Miles Davis, il jazz, Woody Allen, Stanley Kubrick, Nicole Kidman, Uma Thurman, Nastassja Kinski, Maria Schneider. Le conquiste sociali. L’ottimismo. Il XX secolo.
Il rock è morto, viva Keith Richards.


P.S.: per quel che mi riguarda ho elaborato la fine della colonna sonora della mia vita testimoniandol…

Ultimi post

Dischi scomparsi (records not on spotify)

Il futuro è stato cancellato

Long Playing John Mayall

All The Way Home: Bruce Springsteen negli anni duemila

Long Playing Phish

Jeff Lynne From Out Of Nowhere

Long Playing Ian Hunter (and Moot The Hoople)

10 best drummers

Living In A Ghost Town

Late for the sky

Rock Dreams